logo_giardino

dove e quando

A 450 metri d’altitudine fra le alture dell’immediato entroterra della Costa d’Amalfia 7 chilometri dal mare e 10 da Ravello e Amalfi. Il Giardino è aperto a singoli e a piccoli gruppi di appassionati ed è visitabile liberamente guidati dai proprietari, da fine aprile a ottobre solo previo appuntamento; eccezionalmente e solo per esperti anche in altri periodi.

Prego, favorite...    PICT6219 - Copy    Sfusato amalfitano nell'agrumeto

cos’è

Circa 3000 metri disposti su 8 terrazze degradanti, frutto della graduale riconversione di un antico vigneto abbandonato iniziata nel 1999. Un Giardino stabile per tutto l’anno con riferimenti ad altre regioni italiane.

Si compone di molti micro settori ciascuno raro e interessante: un piccolo agrumeto con 25 specie e varietà, un roseto con oltre 300 specie, varietà e ibridi (due terzi sono di Barni e Meilland), molte piante aromatiche ed officinali, salvie, collezioni di ortensie, spiraee, ibischi, emerocalli, lillà, magnolie, oleandri, ginestre, lantane, camelie, glicini, bignonie, succulente, frutti, ortaggi, viti, flora spontanea locale e molto altro per un totale di oltre 1200 varietà; una piccola area è adibita a semenzale e alla riproduzione per talea per integrare le piantagioni.

Gran fioriture estive    In piena estate

segreto

Un giardino poco visibile e comprensibile dall’esterno, quindi volutamente quasi “segreto”, protetto dalle siepi miste, che vive essenzialmente delle emozioni ed implicazioni all’interno di se stesso e nelle “alte vedute”.

dell’anima

Per la ricreazione interiore personale, con il ritorno allo spirito del “lavoro di Adamo”, per le emozioni che procura e le difficoltà. Il fare e creare personalmente per il gusto proprio e di quanti condividono i piaceri e le sensazioni con i medesimi sentimenti.

Bankisiae Lutea    E' primavera    Pomodoro 'Re Umberto'

botanico sperimentale

Per la quantità, l’eterogeneità e la provenienza delle piante, per verificarne le possibilità di attecchimento e crescita, in particolare per le rose, gli agrumi, le erbacee e alcuni particolari alberi d’alto fusto. Per le difficoltà di acclimatazione di specie provenienti da Paesi lontani e adattate all’ambiente climatico diverso per altitudine, venti, piovosità con monti vicini che raggiungono i 1300 m. e determinano all’interno un forte effetto microclimatico. Particolare attenzione viene riservata all’uso razionale dell’acqua, ai trattamenti antiparassitari, alle concimazioni, al compostaggio, all’uso di elementi strutturali del territorio e al riciclaggio dei materiali.

perchè

Per dare nuova vita al lascito ereditario dell’antica famiglia Telese e preservarne la memoria e la proprietà. Conferire continuità agli impegni culturali personali espressi con “Treviso in fiore” con il recupero di giardini storici e aree d’interesse ambientale. Studiare le possibilità terapeutiche del giardinaggio. Concretizzare un ulteriore e diverso elemento di attrazione per il territorio di Tramonti, non in concorrenza con i famosi giardini della vicina Ravello ma complementare e con altri significati legati anche allo sviluppo culturale e turistico eco compatibile e delle risorse naturali e tipiche nell’ottica del “Museo diffuso”. Ma anche obiettivi didattici e divulgativi, di incentivazione della sensibilità e del gusto per il bello, anche con incontri di approfondimento e visite nel territorio.

Frutta e fiori    La grande spalliera di rose

il contesto

E’ di grande interesse ambientale e storico in cui prevale la natura in un ‘armoniosa amalgama con l’umanità, la spontaneità, la cordialità e la laboriosità. Il giardino costituisce anche una sfida culturale e sociale perché si pone in un ambito in genere poco attento agli elementi ornamentali e ai suoi valori.

ideazione e manutenzione

Nessun architetto né giardinieri ma solo sensibilità e disponibilità personale e familiare (Antonio De Marco, Enza Telese, Giancarlo De Marco) con qualche lieve ma prezioso aiuto per interventi più complessi. Una scelta di vita non convenzionale per ritrovare l’armonia con l’ambiente, il gusto di fare, progettare, meditare, in intimo rapporto con la natura. Una scelta di libertà con impegno e rinunce, per il piacere personale, programmandone anche le forme e i tempi.

Luogo per meditare    Pieno autunno

circuiti interessati ed opportunità

Associazioni, garden club, link, blog e forum di giardinaggio, cultura e ambiente, riviste specializzate, quotidiani, studiosi e amatori d’alto livello culturale, orti botanici, giardini storici. Possibilità di degustazioni enogastronomiche all’aperto e amichevole ospitalità per veri amanti della “green therapy” nel condividere la cura del giardino.

amicizie, consulenze e collegamenti

Vivaio Pier Luigi Priola di Treviso, “Treviso in fiore”, Cucina Antichi Sapori di Tramonti, Accademia delle 5T, Rose Barni, Acarbio, Mediterranean Garden Society, Giardini aperti, Associazione Italiana della Rosa, Tra fiori e piante, Hortus Magnus, Adipa ed inoltre Gardenia, Sapori d’Italia, Heidefilm per Arte culture, Rai3, Il Mattino, Telecolore, Positano News, TG Tramonti, Fai da te in Giardino, Comune di Tramonti ma anche Ida Tonini, Patrizio Giulini, Francesco Donadini, fam. d’Andrea e molti altri.

 

Via Telese – 84010 Campinola di Tramonti (SA)
Tel. e Fax 089 856128 – cell. 347 8790007

giardinosegretodellanima@gmail.com

enzatelese@gmail.com
www.giardinosegretodellanima.com