Le mele sottaceto sono un prodotto tradizionale del paese di Casalnoceto, in Val Curone, al confine tra le province di Alessandria e Pavia. Un tempo venivano utilizzate le mele di varietà antiche o pure quelle inselvatichite, oggi i pochissimi produttori (forse solo due) si accontentano delle classiche mele Golden e delle altre varietà coltivate nei ricchi frutteti della Val Curone. Le mele vengono immerse in damigiane a bocca larga riempite con una miscela composta da un terzo di vino rosso, un terzo di aceto casereccio di vino rosso, un terzo di acqua. Oggi utilizzano un Moscato rosso, probabilmente da uve Moscato d’Amburgo, e aggiungono vino molto vecchio come aromatizza

IMG_20160320_124656

nte. Le mele, dopo una quarantina di giorni, sono già molto buone e dureranno ancora un mese o poco più: l’aspetto è identico a quello di una mela fresca, la polpa è norbida come una crema, dolce con un lieve accenno di acidulo, profumata, la buccia vien via da sola come il torsolo.