L’oliva di varietà Taggiasca è la protagonista dell’olio extra vergine d’oliva Dop “Riviera Ligure”, accompagnata dalla menzione geografica aggiuntiva “Riviera dei Fiori”. Per questa menzione in etichetta la Taggiasca dev’essere presente almeno per il 90% e il frantoio deve situarsi nel territorio della provincia d’Imperia. Ovviamente anche gli uliveti devono essere nelle colline in forte pendenza, prevalentemente terrazzati, in provincia di Imperia. A realizzare questi terrazzamenti sono stati, nell’Alto Medioevo, i Benedettini, che introdussero la disposizione dei terrazzamenti con la tecnica dei muri a secco e iniziarono la selezione delle cultivar presenti ancora oggi. L’olio da olive Taggiasca è quello definito “olio dolce” per antonomasia, pur se il termine dolce non è proprio corretto e sta a indicare che si tratta di un olio con bassa sensazione di amaro e piccante e con un sentore di fruttato molto delicato, con prevalenza di note di mandorla cruda e pinoli. Anzi, fino a pochi lustri fa forse era anche troppo dolce, piacevole appena fatto, ma poco durevole nel tempo: infatti si tendeva a cogliere le olive molto tardi, addirittura fino a Pasqua, e l’olio più tardivo, il cosiddetto biancardo, era considerato più pregiato. L’olivicoltore moderno invece tende a raccogliere prima, così da diversificare i tipi d’olio, con prodotti tradizionali e prodotti un po’ più fruttati, con lievi note amare e piccanti e ricchi di salutari sostanze antiossidanti, quindi più serbevoli nel tempo. In particolare sono più fruttati, con piacevoli sentori erbacei e una notevole fragranza, pochissimo amaro e un lieve piccante, quelli nati da uliveti più interni e posti a una maggiore altitudine. L’olio extra vergine da olive Taggiasca è il non plus ultra per la maionese e altre salse all’uovo, ed è un grande olio da pesce bianco e crostacei, in particolare se proposti “alla semplice”, ovvero grigliati o a vapore per valorizzarne il gusto delicato. Poi, per i gusti dei cittadini del nord, più avvezzi al burro, è l’olio ideale per qualsiasi piatto.

Per scaricare il disciplinare: https://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/3342

csm_primo_fiore_dd6fc21c54